Cerca
Appuntamenti
Non ci sono eventi al momento.
Newsletter
Informatore parrocchiale
Novità
La voce del Parroco
Oratorio


Ricevi HTML?
Registrazione effettuata con successo

Home Page | Teatro e Cultura | RISORTO

RISORTO

 

Risorto

 

Un film di Kevin Reynolds. Con Joseph Fiennes. Titolooriginale Risen. Durata 107’- USA 2016.- Warner Bros Italia uscita giovedì 17 marzo 2016MYMONETRO Risorto           .

 

Sintesi della scheda di Marianna Cappi su Mymovies

La visita dell'imperatore Tiberio a Gerusalemme è alle porte e Ponzio Pilato ordina al tribuno militare Clavio di accertarsi che quel tale Yeshua che fa proseliti, spacciandosi per un re, sia messo a morte e che il suo cadavere sia sorvegliato per mettere a tacere le assurde voci di una sua possibile resurrezione. Ma il cadavere sparisce e Clavio avvia un'indagine che mette progressivamente in dubbio le sue certezze di scettico e si fa ad un certo punto ricerca di altro genere, interrogativo che gli cambia la vitaL'idea di approcciare il mistero della resurrezione di Cristo come un'indagine poliziesca non è nuova, a metà degli anni Ottanta Damiano Damiani ci aveva costruito L'inchiesta, da un'idea (geniale, al solito) di Ennio Flaiano, e la letteratura sull'argomento che coniuga saggismo e narrativa non ha mai smesso di esistere. Fino a dove l'inquisizione è faccenda storica e garbuglio politico, il film riscuote un certo tipo di interesse e, nonostante qualche scenografia troppo fasulla e qualche inutile bozzetto (il governatore Pilato che si lava le mani), ci accodiamo al cavallo di Clavio/Fiennes e lo seguiamo fino a che l'equilibrio tra la presenza del tribuno romano, frutto d'invenzione, e il racconto delle Scritture regge. La seconda parte, però, inaugura l'uso più strumentale della narrazione evangelica per raccontare la scelta di Clavio,    

 

Critica di Paolo D’Agostini su Republica del 17 marzo 20176

Dal romanzo Risen di Angela Hunt, best-sellerista americana con la passione per la storia, il film diretto da Kevin Reynolds e affidato a Joseph Fiennes nel ruolo chiave del tribuno Clavio, è un'inchiesta sulla sparizione del corpo di Gesù. Consumato l'atto della crocifissione e concesso il permesso di prelevare il corpo del Nazareno per dargli sepoltura, quando l'indomani si scoprirà che il sepolcro è vuoto il governatore della Giudea Ponzio Pilato, preoccupato dall'imminente visita dell'imperatore Tiberio e dall'instabilità politica della colonia, ordina a Clavio di recuperare quel corpo a ogni costo. Risultandogli evidentemente inaccettabile la Resurrezione. Il tribuno dovrà mettere in discussione ogni certezza. La "storia", come sappiamo, è più che appassionante.

:
Il film Risorto è stato visto in Vaticano da Papa Francesco nel Giubileo  della Misericordia.

Il fim è stato proiettato il 4.2.2016 nella Sala di Palazzo San Carlo in Vaticano –prima dell’uscita negli Stati Uniti a metà febbraio e in Italia il mese successivo – “Risorto”, l’ultimo film del regista americano Kevin Reynolds, Joseph Fiennes, il protagonista ha partecipato all’udienza generale di Papa Francesco. Così il suo ricordo, nel servizio di Luca Pellegrini, su Radio Vaticana “Cultura e Arte”:

Intervista a Joseph Fiennes

Il tempo passato in Vaticano è stato fantastico e mai avremmo pensato che la destinazione finale del nostro film sarebbe stata a Roma, in Vaticano. Quindi, questo è stato un momento molto speciale,

D. - Perché ha accettato di partecipare alla realizzazione di “Risorto”?

R. - Quello che in questo film, mi ha attratto è che arriviamo a vedere la crocifissione, la resurrezione  – attraverso gli occhi di un non credente. C’è un elemento nella storia dell’indagine che è la versione ‘fiction’ delle Scritture. Abbiamo quindi una sorta di matrimonio – per così dire – tra la Scrittura e la fiction storica.

D. - Come interpreta la dimensione spirituale del suo personaggio?

R. - Considerando l’aspetto spirituale naturalmente Clavio intraprende un viaggio molto interessante. Da quel viaggio io ritengo la redenzione come elemento principale: l’idea di una seconda possibilità.

D. - “Risorto” uscirà in tutto il mondo nell’Anno giubilare della Misericordia. Come inquadrerebbe il film nell’attuale situazione storica e politica?

R. - Credo che stiamo attraversando un’epoca particolare oggi, come è accaduto in realtà nel corso di tutta la storia dell’umanità. Penso che non abbiamo concetto o idea dell’esito che questa rivelazione potrebbe avere. Lavori con un’idea rivolta al pubblico: loro sono i destinatari finali. E tu speri che il film possa illuminare, stimolare e intrattenere. Mi piace pensare che il successo di questo film lo si possa trovare nel fatto che coloro che hanno care le Scritture e coloro che non credono, possano sedere insieme nello stesso ambiente e godersi il film.

I partecipanti possono inviare commenti tramite mail a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Nel sito www.trinita.tv.it. cliccando su “teatro cultura” si potrà leggere la scheda/film, la biografia del regista e gli eventuali  commenti di approfondimento che perverranno da voi al Forum.

Per altri commenti/Forum potete andare sul sito Mymovies – Risorto, in fondo pagina.

 

 

Biografia di KEVIN REYNOLDS da Wikipedia

 

Kevin Reynolds è il figlio di Herbert Reynolds,  presidente e rettore dell'università di Baylor.

Ha studiato nell'università presieduta da suo padre ed ha conseguito laurea in telecomuni-

cazioni, frequentò anche la facoltà di legge nella stessa università conseguendo  la laurea

 

Superò l'esame di stato del Texas per esercitare la professione legale, cosa che fece negli

 anni settanta ad Austin. Insoddisfatto dal suo lavoro frequentò la USC School of Cinema-Television.

Cominciò la carriera scrivendo il film Alba rossa nel 1984, l'anno successivo ottenne da Steven Spielberg i fondi con cui realizzò il suo primo film da regista: Fandango interpretato da Kevin Costner, con questo lavoro Reynolds ottenne buone critiche. Dopo queste buone recensioni venne chiamato a dirigere un episodio della serie tv Amazing Stories. In seguito a questo lavoro iniziò una proficua collaborazione con Kevin Costner che si protrasse per i successivi film Robin Hood - Principe dei ladri e Waterworld. In mezzo a questi ultimi due lavori portò sul grande schermo un progetto molto ambizioso: Rapa Nui, ambientato nell'Isola di Pasqua in cui incontrò nuovamente Kevin Costner in veste di produttore, Reynolds diresse il film e scrisse il soggetto, ma lasciò la sceneggiatura a Tim Rose Price. Recentemente ha diretto Tristano e Isotta non riscuotendo tuttavia un grande successo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 20 Aprile 2017 19:19 )